News

Coral Demo

E' stata rilasciata l'applicazione demo dei siti Buyers e Suppliers

Coral Buyers 1.0

E' stata rilasciata la versione 1.0 dell'applicazione Coral Buyers

Coral Suppliers 1.0

E' stata rilasciata la versione 1.0 dell'applicazione Coral Suppliers



EProcurement-modifica-prodotti
EProcurement-modifica-prodotti-promozionisoftware e procurement eprocurement public e procurement e procurement open source business procurement master e procurement e procurement pa l e procurement procurement e e procurement poste software eprocurement e sourcing supply chain supply chain management software procurement e procurement definizione piattaforma e procurement sistema e procurement esourcing https eprocurement procurement supply chain strategic procurement management procurement procurement system procurement electronic procurement strategie e procurement procurement outsourcing sourcing procurement procurement services purchasing procurement global sourcing software sourcing sourcing sourcing strategies
EProcurement-modifica-prodotti-web-service

Coral EProcurement Datasheet

contenuti

 




Introduzione

Coral è un sistema di e-procurement che mette in comunicazione acquirenti (buyers) e fornitori (suppliers), consentendo di realizzare transazioni di acquisto e processi di entrata merci attraverso un’unica piattaforma. Questo documento descrive le funzionalità, la struttura e parte della implementazione tecnica. Diversamente da altri sistemi di e-procurement Coral espone molte funzionalità più vicine ad un sistema di e-commerce come la gestione delle immagini e delle risorse associate ai prodotti, un engine completo per la creazione e la pubblicazione di campagne di Marketing, un sistema di gestione dei contenuti accessibile ai clienti finali per personalizzare l’aspetto e le funzionalità del sito per i singoli utenti. Gli attori del sistema sono i clienti i fornitori e gli amministratori del sistema. Di seguito le funzionalità principali esposte a ciascuno degli attori.

torna all'indice


Fornitori

I fornitori espongono ed amministrano attraverso Coral i propri cataloghi, pongono condizioni di vendita definendo le modalità di trasporto e le spese di spedizione, definiscono i listini prezzi per i clienti con i quali hanno un rapporto di vendita, visualizzano statistiche e report sulle vendite e sui dati dei clienti. I fornitori, come gli altri attori del sistema possono definire un proprio sistema di utenze alle quali assegnare differenti permessi (ad esempio possono inserire nel sistema la propria rete di vendita alla quale affidare il compito di intestare e gestire la clientela privata. I fornitori possono essere pubblici o privati: i fornitori pubblici sono quelli che accedendo al sito Coral on line hanno completato il processo di registrazione, hanno ricevuto approvazione ed hanno caricato un proprio catalogo nel sistema attraverso il web. I fornitori pubblici sono visibili, appartengono ad una o più categorie merceologiche e possono essere raggiunti da tutti i clienti (attraverso un processo che viene descritto nella sezione relativa ai clienti). I fornitori privati seguono lo stesso processo di registrazione ed approvazione, ma non sono visibili a clienti del sistema. Generalmente i fornitori privati invitano la propria clientela sul sistema rimanendo invisibili agli altri.

torna all'indice


Cataloghi

I cataloghi sono uno degli elementi centrali del sistema Coral. Un catalogo è un insieme di prodotti che possono essere suddivisi in categorie nidificate e secondo diversi sistemi di classificazione. Le caratteristiche del catalogo sono definite direttamente dal fornitore, fatte salve alcune caratteristiche definite da Coral per tutti i cataloghi. In altre parole ogni fornitore definisce la propria struttura inserendo le caratteristiche come taglie, misure, larghezze, lunghezze indipendentemente dagli altri fornitori. Questi attributi potranno poi essere usati dal sistema per effettuare ricerche o filtri sui prodotti quando questi vengono presentati ai clienti. Alcuni attributi come le descrizioni, le unità di vendita, il codice ed una descrizione sono considerati obbligatori e definiti da Coral per ogni fornitore.


Struttura del catalogo: classificazioni, categorie e prodotti

Ogni catalogo ha una o più classificazioni per gestire le categorie ed i prodotti: una classificazione è una ripartizione in gruppi dei prodotti secondo un criterio: Coral ha una classificazione standard che può essere adottata dai fornitori (è obbligatoria nel caso di fornitori pubblici) è UNSPSC (United Nations Standard Products and Services Code)1. I fornitori possono definire una o più classificazioni proprietarie specificando le categorie che ne fanno parte e come queste sono annidate. Una volta definite le classificazioni i prodotti vengono inseriti nelle categorie (per ogni prodotto va specificata la posizione in ogni classificazione); il fornitore deciderà quale classificazione usare per mostrare i prodotti ai clienti e/o quale classificazione usare per definire i prezzi ed i listini. I prodotti possono essere raccolti in gruppi: generalmente un gruppo di prodotti riguarda un oggetto e le sue diverse varianti. L’amministrazione dei cataloghi avviene via web attraverso un’interfaccia dedicata o attraverso strumenti più sofisticati come un’estensione per Microsoft Excel 2007 (nella figura 1 è visibile l’amministrazione dei prodotti di un catalogo) che consente all’utente finale di un fornitore (che abbia determinati permessi) di gestire cataloghi e listini. Figura 1 Visualizzazione e modifica dei prodotti da Microsoft Excel 2007 tramite toolbar dedicata 1 http://www.unspsc.org/ Tutti i servizi fruibili dalle applicazioni client di Coral sono esposti come servizi su web: questo consente una facile integrazione con strumenti esterni; anche i servizi di catalogo sono esposti attraverso dei | 4 servizi web su Internet così anche la toolbar per Excel appena vista permette la lettura, variazione, cancellazione e inserimento dei prodotti attraverso questi servizi (non è quindi richiesta nessuna operazione supplementare se non la pressione di un tasto per salvare i dati). Coral prevede anche la possibilità di definire per ogni cliente dei campi personalizzati come il codice dei prodotti o la descrizione: questo perché molte grosse realtà usano un propria codifica per i prodotti all’interno dei propri sistemi di approvvigionamento (Gestione dei prodotti privati). Ai cataloghi o ai singoli prodotti possono essere collegati dei servizi: ad esempio l’assemblaggio o una garanzia estesa. I servizi vengono concordati direttamente con il fornitore al momento della registrazione su Coral. Per ogni servizio si possono scegliere le condizioni di applicabilità, i costi ed i criteri di coesistenza con altri servizi.

Profilazione e localizzazione nei cataloghi

Il catalogo prevede diversi sistemi di profilazione sia per i fornitori che per i clienti. La profilazione consente al fornitore di rendere visibile ad un cliente solo parte del catalogo escludendo per quel cliente (ovvero per quei clienti) determinate categorie o prodotti. Dal canto suo un cliente può ulteriormente profilare il catalogo per i propri utenti: in questo modo certi uffici possono visualizzare ed acquistare solo i beni legati alle loro specifiche esigenze. Ogni fornitore può caricare un solo catalogo, ma in lingue differenti: le descrizioni e le risorse ovvero tutto quanto deve essere visualizzato ai clienti può essere gestito usando culture differenti. Il fornitore durante la registrazione al sistema sceglie la culture che vuole usare come default. Non è necessario che un catalogo venga personalizzato in tutte le culture supportate dal fornitore: quanto non viene personalizzato viene mostrato con i dati della culture di default (l’unica ad essere obbligatoria).

Gestione delle risorse nei cataloghi

Per quei fornitori che non integrano il sistema Coral con altri sistemi web proprietari è importante poter arricchire il proprio catalogo usando immagini, schede tecniche, video ed altri media espone un servizio di gestione di risorse all’interno dei servizi di catalogo: tramite questo servizio ed utilizzando un’applicazione desktop Windows i fornitori hanno possibilità di visualizzare le risorse associate ai prodotti del catalogo, caricarne di nuove o cancellare quelle esistenti.

torna all'indice


Listini

Coral consente di definire listini prezzi per ogni singolo cliente, per gruppi di clienti o per tutti i clienti di un fornitore. Definito un catalogo un fornitore può creare listini di differenti tipologie che sono

• Listini a prezzo fisso: il prezzo di ciascun prodotto è definito direttamente nel listino.
• Listino a sconto o maggiorazione: il prezzo di ciascun prodotto è definito come risultato di una moltiplicazione tra il prezzo base del prodotto ed un moltiplicatore definito per il prodotto stesso o alla categoria (a qualsiasi livello) in cui il prodotto è stato posizionato.
• Listini a variazione fissa: il prezzo di ciascun prodotto è stabilito in base ad una somma del valore del prezzo base ed un numero stabilito per la categoria in cui si trova il prodotto o il prodotto stesso.
• Listini custom: il prezzo di un prodotto è stabilito in base ad un algoritmo stabilito dal fornitore

I più utilizzati sono i listini delle prime due tipologie sebbene gli altri tipi di listino possano essere usati da altri moduli del sistema Coral come l’engine del marketing per realizzare le proprie funzionalità. Il sistema dei listini di Coral consente di applicare i listini creati su ogni cliente di un fornitore. Il fornitore non è obbligato a mappare un listino su un cliente, ma può usare –per ogni cliente- pezzi di listino differenti per i diversi prodotti. Ad esempio un fornitore può aver definito due listini a sconto (chiamiamoli ROSSO e BLU) ed un listino a prezzo fisso per il proprio catalogo. Nell’esempio il calogo del fornitore è composto da quattro categorie ed alcuni prodotti

  • Categoria 1
    • Categoria 1.1
      • Prodotto A (prezzo base 2 EUR)
      • Prodotto B(prezzo base 8 EUR)
  • Categoria 2
    • Categoria 2.1
      • Prodotto C (prezzo base 1.50 EUR)

I listini sono definiti in questo modo:

Listino BLU
Categoria 1 -10%
Categoria 2 -5%
Categoria 2.1 -10%

Listino ROSSO
Categoria 1 -15%
Categoria 2 -7%
Categoria 2.1 -15%

Listino prezzo fisso (VIOLA)
Prodotto A 3.70 EUR
Prodotto B 10 EUR
Prodotto C 2.10 EUR

Per un dato cliente X il fornitore può applicare alla categoria 1 il listino BLU: in questo modo la percentuale di sconto del listino BLU alla categoria 1 (-10%) viene applicata a tutti i prodotti contenuti in quella categoria ed in quelle sottostanti a meno che il fornitore non applichi ad une di queste categorie o prodotti un listino differente. Ad esempio applicando direttamente al prodotto A il listino VIOLA il prodotto A avrà come prezzo al cliente X 3.70 EUR (mentre il B prenderà il prezzo dalla definizione del listino B essendo nella categoria 1). Continuando il fornitore applica alla categoria 2 il listino rosso e così alla categoria 2.1.
Secondo questa configurazione i prezzi praticati al cliente X sono i seguenti
Listino prezzi praticati al cliente X
Prodotto A 3.70 EUR
Prodotto B 7.20 EUR (perché si trova nella categoria 1 cui è stato applicato il listino BLU che ha su quella categoria lo sconto del 10%)
Prodotto C 1.28 EUR (perché si trova nella categoria 2.1 cui è stato applicato il listino ROSSO che ha su quella categoria lo sconto del 15%)

Chiaramente è possibile applicare direttamente un solo listino a tutto il catalogo per un cliente, per tutti i clienti o per un gruppo di clienti.
L’engine del catalogo di Coral tiene conto delle variazioni fatte al catalogo nel calcolo dei prezzi: nell’esempio precedente la pubblicazione di nuovi prodotti nella categoria 2 o lo spostamento di un prodotto da una categoria ad un’altra causa il ricalcolo dei prezzi per i clienti2.

Durata Listini e sequenze

Per default un lisitino applicato ad un cliente ha durata infinita, tuttavia è possibile specificare al momento dell’associazione listino-cliente una scadenza temporale, al termine della quale il listino viene rimosso automaticamente ed i prezzi ricalcolati.
Coral consente di definire per un cliente e per ogni item di catalogo (prodotti o categorie) diversi listini uno sull’altro: il prezzo finale è la risultante dell’applicazione di tutti i listini secondo i criteri specificati. Rifacendoci all’esempio precedente possiamo definire un listino “PROMOZIONE” che sconta al 50% tutte le categorie.
La promozione dura solo 15 giorni e viene applicata al cliente X in aggiunta alle associazioni già fatte prima. L’aggiunta fa sì che tutti prezzi già calcolati vengano dimezzati a causa del nuovo listino promozione.
Listino prezzi praticati al cliente X dopo l’applicazione del listino PROMOZIONE
Prodotto A 1.85 EUR (prezzo fisso più la promozione)
Prodotto B 3.60 EUR (listino BLU+PROMOZIONE)
Prodotto C 0.64 EUR (Listino ROSSO + PROMOZIONE)
Dopo 15 giorni la promozione viene rimossa in automatico ed i prezzi tornano quelli definiti in precedenza. L’aggiunta di un listino può sovrapporsi alle definizioni esistenti o sostituirle temporaneamente. L’amministrazione di questi dati viene fatta tramite la toolbar di microsoft Excel 2007.

torna all'indice


Marketing

Promozioni

Molti sistemi di e-procurement –specie quelli verticali ovvero ritagliati su un singolo fornitorepropongono ai clienti campagne promozionali fatte di offerte differenti: dal boundle, agli sconti, all’acquisto NxM agli omaggi.
Coral consente ai fornitori non solo di definire campagne promozionali per diverse tipologie di offerte (comprese quella citate sopra) per ogni singolo cliente (ovvero per tutti o un gruppo), ma anche di curarne la presentazione grafica attraverso l’amministrazione web del sistema. Le promozioni possono avere validità temporale ed applicarsi solo a certi clienti (per esempio quelli che risiedono solo in certe regioni o che hanno speso un certo ammontare su certe categorie di prodotti).
Lo scopo di Coral è quello di rendere estremamente semplice la definizione delle campagne promozionali senza perdere di flessibilità: l’engine del marketing oltre ad essere estremamente veloce in fase di applicazione à completamente customizzabile: nuove tipologie di offerta possono essere inserite ed usate “al volo” nel sistema.
In merito all’integrazione con ERP esterni Coral prevede anche un servizio che consente ai fornitori di verificare se eventuali modifiche fatte ad un ordine dopo la ricezione da Coral sono ancora congrui con le promozioni in essere al momento dell’invio dell’ordine.

Presentazione delle promozioni

La parte di presentazione ai clienti è molto in portante quando si tratta di marketing: per consentire la massima libertà mantenendo un certo grado di semplicità e sicurezza Coral mette a disposizioni dei forntiori un editor web che consente loro –una volta definita la promozione- di crearne la presentazione scegliendo e personalizzando diversi template (modelli). Anche la presentazione delle promozioni è multilingua per cui un fornitore che dovesse supportare diverse culture può creare presentazioni differenti per ognuna di esse. I modelli possono essere scelti e personalizzati a diversi livelli: o per l’intera promozione, o per le singole offerte all’interno della promozione o per i singoli prodotti all’interno di un’offerta. Coral consente di avere diversi tipi di output per i modelli scelti: questo consente di poter mandare i dati verso web ,ma scegliendo un template differente anche verso email, cellulari o sistemi di terze parti. Nella figura 3 un esempio di template HTML per una promozione Hardware. Il fornitore personalizza il modello con immagini e testi: altre informazioni come codici e prezzi possono essere prese direttamente dai dati del prodotto.

Cross selling

Coral offre ai fornitori anche la possibilità di immettere informazioni per il cross selling. Per ogni prodotto possono essere definiti diversi altri prodotti (direttamente dall’amministrazione web dei fornitori) ai quali il primo fa riferimento: questi prodotti possono essere evidenziati nella scheda di dettaglio del prodotto chiave. Il cross selling può anche essere usato per mostrare prodotti alternativi oltre che prodotti correlati.

torna all'indice


Ordini

I fornitori scelgono in fase di registrazione come vogliono ricevere gli ordini. I sistemi supportati per default per le transazioni web sono:

  • SOAP : I dati vengono inviati verso un endpoint su web che deve essere specificato dal fornitore. I dati dell’ordine vengono inviati nel formato cXm3.
  • Email: L’ordine viene inviato formattato come testo ad un indirizzo di posta specificato dal fornitore. In questo caso il fornitore deve anche specificare una culture di riferimento: il messaggio di posta può contenere un allegato in formato cXML o Excel (secondo un tracciato comunemente usato dai sistemi SAP).
  • FTP: L’ordine viene depositato come file di testo (cXml) su un server FTP il cui indirizzo e le cui credenziali devono essere specificate dal fornitore all’atto della registrazione.

L’architettura del sistema consente di aggiungere in modo molto rapido altri meccanismi di routing per fornitori che dovessero farne richiesta.
Una volta scelto il meccanismo di routing il sistema Coral invierà gli ordini al fornitore usando quel meccanismo. Coral tiene ovviamente traccia degli invii effettuati così come mantiene in coda gli ordini che non possono essere consegnati al fornitore per problemi di qualsiasi tipo. Gli ordini che dopo diversi tentativi di invio vanno in errore vengono mantenuti in una coda separata. Tutte le code del sistema sono ovviamente persistite sul file system.
Coral mantiene i dati degli ordini inviati perché il fornitore (ma anche i clienti) possano avere visibilità degli ordini nella propria area amministrativa, per compilare statistiche, per il motore di marketing, per ricevere aggiornamenti da parte del fornitore (per i fornitori che hanno sistemi automatici di aggiornamento) e per il funzionamento del modulo di entrata merci. A prescindere dal formato usato per inviare i dati al fornitore il sistema mantiene sempre i dati in formato cXml.
Gli ordini –all’interno del fornitore- necessitano di un permesso per poter essere visualizzati.

Modalità di pagamento, sistemi di trasporto, spese di spedizione ed altri dati inerenti i fornitori

Tutte le informazioni che danno il titolo al paragrafo sono definite come liste dai fornitori al momento della registrazione su Coral. Non tutte le informazioni sono obbligatorie: quelle che non vengono inserite non verranno richieste dal cliente al momento della intestazione di un cliente (o della accettazione di un cliente se questo è un cliente pubblico). Coral non realizza nessuna transazione economica con terze parti: si limita a inoltrare l’ordine del cliente verso il fornitore.

Aggiornamento di un ordine

I servizi di Coral consento ad un fornitore di aggiornare lo stato di un ordine tramite un messaggio XML (usando il formato cXml) dopo la ricezione.

torna all'indice


Entrata merci

Il processo di entrata merci consente al cliente di validare l’arrivo della merce al fornitore ed (eventualemente) a quest’ultimo di poter inziare il processo di fatturazione. Come per gli altri moduli anche il modulo di entrata merci può essere usato da web e può essere collegato tramite messaggi XML anche ai sistemi di fornitori e clienti per integrare Coral con le procedure in essere.
L’entrata merci può aver luogo solo dopo l’invio di un ordine verso un fornitore e può essere di due tipi:



  • Automatica
  • Manuale

L’entrata merci automatica viene alimentata dal sistema del fornitore a fronte dell’emissione di bolle riguardanti gli ordini; l’entrata merci manuale si applica nel caso in cui il fornitore non sia integrato con il sistema di e-procurement o nel caso si vogliano inserire i dati della bolla manualmente.
In entrambe i casi il processo parte entrando nella sezione “Entrata merci” nell’applicazione Buyer del sistema di e-procurement Coral. La sezione “Entrata merci” è disponibile nell’amministrazione e necessita di un apposito permesso per essere vista ed usata.
Ogni documento di entrata merci è legato ad un numero d’ordine della piattaforma di e-procurement. Nella lista degli ordini è sempre visibile lo stato dell’entrata merci rispetto a quel ordine. Lo stato può essere: in attesa, parziale, completato (pending, partial, closed). Di seguito la spiegazione degli stati:

In attesa L’ordine è stato inviato dal sistema di e-procurement al fornitore e non è ancora stato ricevuto alcun documento riguardante l’entrata merci

Parziale Sono stati ricevuti uno o più documenti riguardanti l’entrata merci relativamente l’ordine in questione e questi documenti non completano la consegna dell’ordine.

Completato Sono stati ricevuti uno o più documenti riguardanti l’entrata merci per l’ordine in questione e questi documenti completano la consegna dell'ordine.

torna all'indice


Clienti

Un cliente in Coral può essere di due tipi: pubblico e privato. I clienti pubblici si registrano in autonomia sull’applicazione Coral entrando dal web. Dopo la registrazione scelgono nel marketplace i fornitori dai quali vorrebbero acquistare (vedendo solo quei fornitori che hanno deciso di rendersi visibili) ed inoltrano loro una proposta di accettazione. I fornitori possono a questo punto accettare o rifiutare un nuovo cliente: nel primo caso propongono le condizioni (compreso il listino) e se il cliente a sua volta è d’accordo il processo si conclude; da quel momento il catalogo del nuovo fornitore sarà accessibile a quel cliente secondo le condizioni pattuite ed il cliente potrà effettuare ordini. I clienti privati sono quelli intestati direttamente da un fornitore. I clienti privati hanno visibilità esclusivamente sul fornitore che li ha registrati e non possono navigare il marketplace creando legami con altri fornitori.
Al di là del rapporto con i fornitori, un cliente può amministrare la propria realtà in piena autonomia. La creazione degli utenti e la definizione dei permessi, l’assegnazione di budget, la creazione e modifica di indirizzi di fatturazione e spedizione, l’impostazione dei cicli autorizzativi per gli ordini e tutto quanto riguarda i dati del cliente possono essere amministrati da web o –come nel caso dei fornitori- gestiti dai sistemi del clienti tramite messaggi XML verso Coral: infatti anche tutte le operazioni verso i clienti sono esposte tramite servizi web.
Queste sono le funzioni principali esposte attraverso il sito web (ovvero attraverso web service) per quanto rigurda le gestione dei dati del cliente

  • Creazione di utenti;
  • Assegnazione di permessi;
  • Definizione del budget degli utenti per ogni catalogo;
  • Definizione del budget per centro di costo;
  • Profilazione del catalogo (visibilità di parti di catalogo solo a certi utenti);
  • Gestione dei centri di costo;
  • Gestione degli indirizzi di fatturazione;
  • Gestione degli indirizzi di spedizione;
  • Assegnazione degli indirizzi agli utenti;
  • Definizione delle aree geografiche di lavoro per gli utenti;



torna all'indice


Ordini dei Clienti

L’applicazione web buyer è la parte in cui i clienti effettuano acquisti. Al login di un utenza cliente vengono presentati i cataloghi accessibili a quell’utenza basandosi sui fornitori e sull’area geografica accessibile all’utenza: la lingua e le altre impostazioni di localizzazione per l’utenza vengono mostrate in base alle preferenze dell’utente.
L’applicazione buyer presenta le caratteristiche di un sito e-commerce: l’utenza può navigare i cataloghi dei fornitori, scegliendo categorie e prodotti (nella figura un dettaglio della pagina di navigazione di una categoria) e creando il carrello prendendo prodotti da fornitori differenti. La navigazione presenta le caratteristiche di un moderno sito e-commerce: filtri, ricerche, inserimento rapido dei prodotti nel carrello,ordinamento dei prodotti per prezzo.
Le utenze possono creare degli ordini tipo, dei modelli di ordini per semplificare l’attività di acquisto nel caso di ordini ricorrenti.
Il check-out ovvero la fase di chiusura di un ordine avviene presentando all’utente solo le opzioni per lui stabilite in termini di centri costo, indirizzi di fatturazione e di spedizione utilizzabili: se l’utente ha budget questo viene verificato.
Il cliente (gli utenti che hanno il permesso di farlo, generalmente gli amministratori) possono definire per ciascun fornitore dei cicli approvativi che devono essere eseguiti prima dell’inoltro dell’ordine. In questo caso l’ordine fatto da un utente su un certo catalogo dovrà prima essere approvato da un manager (se quell’utenza necessita di approvazione) per poter essere inviato al fornitore. I cicli approvativi vengono definiti nella parte amministrativa. E’ possibile definire l’approvazione per manager, definire i manager, escludere dall’approvazione prodotti che si trovino in certe categorie o ordini che siano sotto una certa cifra. Il motore di workflow che sottostà a questa funzione prevede la possibilità di un modello di workflow per ogni coppia fornitore/cliente: è quindi molto semplice aggiungere workflow custom per esigenze specifiche.

torna all'indice


Modalità "Punch Out"

Coral supporta l’acquisto in modalità “punch out” : in questa modalità Coral riceve una richiesta di login direttamente dal sistema ERP del cliente; la sessione di acquisto avviene in questa applicazione ed il carrello al momento dell’acquisto NON viene inviato direttamente al fornitore, ma spedito –secondo un certo formato al sistema ERP del cliente per seguire i processi interni: il sistema ERP del cliente è responsabile dell’invio dell’ordine a Coral o direttamente al fornitore. Coral supporta le sessioni punchout usando gli standard di SAP(OCI) o Ariba (cXml).

torna all'indice


Entrata merci

Come per i fornitori anche i clienti hanno un modulo di entrata merci tramite il quale validare l’arrivo dei beni ordinati ai clienti. Il modulo riceve i dati direttamente dai fornitori (quando questi hanno la possibilità di emettere documenti elettronici) oppure richiede una immissione manuale dei documenti di accompagnamento delle merci. L’entrata merci invia i dati di convalida direttamente al fornitore secondo il formato (email, xml, FTP) scelto da quest’ultimo durante la registrazione.

torna all'indice


Personalizzazione del sito buyer (CMS)

Coral offre nel sito buyer un sistema di Content Management System: la personalizzazione in verità non è solo un aspetto che riguarda il cliente finale, ma anche il fornitore. Il fornitore può esporre al cliente promozioni marketing, banner pubblicitari o particolari funzionalità come ad esempio una campagna a premi. Tutte le funzionalità esposte sono rappresentate da “parti” (dette “web parts”) che possono essere viste come blocchi visualizzabili dal cliente; blocchi che quest’ultimo può usare per costruire le pagine del sito: alcune parti sono sempre disponibili e fisse(ad esempio la navigazione del catalogo, o il carrello) mentre altre possono essere o meno messe a disposizione del cliente e quest’ultimo a sua volta può decidere di mostrarle a tutti i suoi utenti o solo ad alcuni. Questo sistema consente un’enorme flessibilità di presentazione dei contenuti ai fornitori per i loro diversi clienti ed ai clienti per le proprie utenze. Nella figura si vede il sito buyer durante la configurazione dell’aspetto della pagina.

torna all'indice


Integrazione con sistemi esterni

La modalità Punch Out consente l’invio di ordini direttamente da sistemi SAP. Tuttavia sono possibili integrazioni con altri sistemi esterni, non solo a livello di ordini, ma di tutti i servizi offerti dalla piattaforma. I sistemi esterni che hanno la capacità di essere estesi chiamando o essendo chiamati da web services possono inviare o ricevere da Coral informazioni e dati su

  • Ordini
  • Utenze
  • Anagrafiche di fatturazione e spedizione
  • Entrata merci

L’accesso ai servizi ed alle operazioni offerte è relativo ai moduli che il cliente usa ed alle credenziali con quali le applicazioni si presentano ai servizi. Anche per i sistemi che non prevedono integrazione attraverso servizi web, ma che possono esportare o ricevere dati attraverso altri tipi di messaggi (ad esempio basati su file) è possibile realizzare soluzioni integrate sviluppando prodotti custom o utilizzando anche prodotti di terze parti come Microsoft Biztalk Server.

torna all'indice


Architettura del sistema

Coral è composto da due layer logici: uno è composto da un gruppo di web service indipendenti tra loro che forniscono i servizi principali del sistema. Di seguito una breve descrizione di questi servizi.

Catalog/Pricelist service. Servizi di catalogo e listino prezzi. Gestione dei cataloghi dei fornitori. Profilazione ed interrogazione dei cataloghi. Pubblicazione dei cataloghi. Creazione ed associazione dei listini. Valutazione dei prezzi. Prodotti correlati. Flussi di messaggi riguardanti i cataloghi verso i clienti o verso i fornitori. Localizzazione.

Promotions & Marketing. Creazione e valutazione di offerte. Gestioni delle promozioni come raccolte di offerte. Implementazione delle logiche per ogni tipo di offerta. Gestione delle campagne a premi. Localizzazione. Il servizio di promozioni è collegato ad un motore di Business Intelligence (BI) che consente di estrarre informazioni

Coral Communication Service (CNS) Pubblicazione e notifica di messaggi provenienti dal sistema verso altri servizi o applicazioni. Questo servizio rappresenta il nodo centrale do Localizzazione.

Coral Mailer Service Servizio centralizzato per l’invio di notifiche email localizzate. I modelli delle email sono gestibili, dove necessario, da clienti e fornitori.

e-Procurement. Creazione richieste d’acquisto (RA) .Gestione workflows delle RA. Routing degli ordini verso i fornitori. Gestione degli ordini tipo (modelli di ordine). Localizzazione.

Suppliers. Creazione e gestione di tutti i processi che riguardano i fornitori. Autenticazione dei fornitori.

Gestione dei partner. Flussi di messaggi verso i clienti o verso i fornitori. Localizzazione.Customers. Creazione e gestione di tutti i processi che riguardano i clienti. Autenticazione dei clienti Gestione del punchout. Flussi di messaggi verso i clienti o verso i fornitori. Localizzazione. I servizi sono collegati tra loro in alcune funzionalità e sono utilizzati dalle applicazioni client descritte qui di seguito.

Client web acquisti. Applicazione web per acquisti, multicatalogo e multilinguaggio. Espone le funzioni di navigazione catalogo profilato per fornitore e per cliente, compreso promozioni ed articoli correlati, acquisto prodotti, creazione, sospensione, gestione ed invio degli ordini. Gestione delle informazioni anagrafiche del cliente. Gestione delle gerarchie di utenti. Gestione di ordini tipo. Visualizzazione ed applicazione di promozioni per cliente. Visualizzazione delle statistiche.

Client web fornitori. Applicazione web per fornitori (multilingua). Gestione ed amministrazione dei cataloghi per fornitore. Creazione dei clienti privati. Visualizzazione dei dati ed utility per la gestione dei clienti privati. Upload e personalizzazione dei listini. Creazione e modifica dei prodotti correlati. Creazione e modifica delle promozioni per cliente. Visualizzazione degli ordini.

Integrazione MS Office. La suite MS Office (versione 2007) è integrata con il sistema collegandosi direttamente ai servizi web. La gestione via Office consente di gestire i cataloghi, i listini le utenze. I servizi sono indipendenti ed autonomi: molte delle funzioni del sistema sono realizzate dalle applicazioni client usando diversi servizi in modo coerente; in altri casi i servizi possono collaborare tra loro per realizzare delle funzionalità come ad esempio la notifica degli eventi.

torna all'indice


Note riguardanti l’accesso al sistema

La maggior parte dei servizi web sono pubblicamente accessibili su internet ai clienti che hanno la credenziali per accedervi. In particolare sono pubblici tutti i servizi di e-procurement che riguardano l’acquisizione degli ordini ed i flussi di entrata merci, i servizi di catalogo e quelli di membership. I servizi sono messi in sicurezza usando gli standard legati a WS-Security4 il che garantisce la piena interoperabilità con tutti i sistemi che supportino questo standard.

L’accesso via client è protetto da credenziali sia per le applicazioni web che per le applicazioni integrate in Microsoft Office. Le trasmissione delle credenziali avviene su HTTPS. Sia i clienti che i fornitori possono scegliere di usare per i propri utenti un certificato digitale per rafforzare l’identità. I certificati hanno durata annuale.

torna all'indice